Slash-Chords Pt3

SLASH CHORDS
(Terza parte)

Nelle lezioni precedenti abbiamo visto gli slash chords applicati ad accordi standard minori e maggiori,
in pratica essi stabilivano il tipo di inversione o rivolto dell’accordo da eseguire, infatti come avrete notato
la nota al basso fa sempre parte dell’accordo indicato prima dello “/”la funzione più interessante
armonicamente parlando, è quella di porre al basso una nota che non faccia parte della triade maggiore
indicata prima dello “/” (le triadi minori sono meno usate).

Le triadi sono accordi maggiori formati da tre note: 1a, 3a maggiore e 5a giusta( tonica, modale e dominante)
della scala. La triade può essere un accordo minore: 1a, 3a minore e 5a giusta.

Per es. DO(mag)è formato dalle note: DO, MI, SOL. DOmin è formato da DO, MIb, SOL.
Per poter avere una padronanza assoluta nella pratica degli slash chords è importante avere
bene in mente l’ubicazione di tutte le note sulla tastiera della chitarra e la posizione delle triadi.
(Clicca sull’immagine per ingrandirla)

slash chords

Per ogni nota al basso ci sono 12 possibili accordi slash. Ad esempio, se C (DO) è la nota al basso,
vi sono le seguenti 12 combinazioni:
C/C, Db/C, D/C, Eb/C, E/C, F/C, F#/C, G/C, Ab/C, A/C, Bb/C, B/C.
Quindi potete ben immaginare le molteplici combinazioni armoniche che possiamo ricavare!

Sotto alcune sigle di slash chord prese da famosissimi brani attuali di cui fornisco 2 grafici per sigla.

(Clicca sull’immagine per ingrandirla)
slash chord

Sotto la trascrizione di una sequenza di un brano di C. Baglioni  >> Ascolta l’es. midi sequenza

slash chords

Fine lezione sugli slash-chords

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>